new york cheesecake di casa mia

in molti mi hanno chiesto di postare la ricetta del "mio"(posso dirlo!) cheesecake!
oggi, visto che passeremo il capodanno da amici, mi sembrava l'occasione giusta per prepararlo... in realtà l'ho fatto ieri, perchè sebbene la preparazione sia molto semplice, sono necessarie diverse ore per il raffredamento.
è un dolce che ho imparato a fare questa primavera, mi ha subito conquistata, e per il suo particolare sapore, ha sempre suscitato curiosità e apprezzamenti da parte di tutte le persone che lo hanno assaggiato.
in rete si trovano diverse ricette, con più o meno philadelphia, da cuocere e non... così ho elaborato una ricetta mia, che è questa:

CHEESECAKE di SILVIA
250 gr di biscotti digestive
150 gr di burro
2 cucchiai di zucchero

250 gr di philadelphia
100 gr di zucchero
70 gr di panna fresca
2 uova
una bustina di vanillina
succo di mezzo limone
1 cucchiaio di farina
un pizzico di sale

mettete il burro in un pentolino e fatelo sciogliere a fuoco basso.
nel mixer frullare i digestive (se a casa avete gli oro saiwa vanno bene lo stesso, -MA- non è la stessa cosa!), aggiungete i due cucchiai di zucchero ed il burro fuso, quindi mescolate bene.
prendete uno stampo a cerniera di 24 cm di diametro, passateci un po' di burro e ricopritelo con della carta forno. stendete i biscotti con l'aiuto di un cucchiaio sul fondo e sui lati, schiacciando per bene, poi mettete lo stampo in frigo per almeno un'ora.
intanto si può preparare la crema cheese: con le fruste elettriche montate le uova con lo zucchero, il pizzico di sale e la vanillina.
incorporate successivamente la philadelphia, il succo di limone, la panna e la farina.
quando il biscotto per la base è pronto, versate la crema e mettete il cheesecake in forno a 180° per 50 minuti. se vedete che colora troppo coprite con un foglio di alluminio.
se lo volete un po' più alto si può usare 320 gr (4 confezioni da 80 gr) di philadelphia, ma tenete conto che il risultato avrà un gusto più deciso.
quando è cotto, lasciate raffreddare e riponete di nuovo in frigo.
una vera delizia.
nella versione originale americana viene ulteriormente coperta con della panna acida, o della salsa alle fragole o al cioccolato, quindi se volete...
la prima versione che ho fatto era con la pastafrolla ed un sottile velo di marmellata alle ciliegie, sul fondo.
insomma, è proprio un dolce che si presta ad essere personalizzato!
adesso vado a prepararmi, divertitevi!

2 commenti:

  1. evviva!!! al più presto la proverò!! grazie mille! Manuela

    RispondiElimina

Thank you for your comment!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...